Melatonina per il benessere/meccanismo d’azione
October 25, 2016by fgadmin

MELATONINA: dalla sintesi al meccanismo d’azione

MECCANISMO D’AZIONE

Sincronizzazione dei ritmi biologici

I ritmi biologici dell’organismo sono regolati da una sorta di “orologio biologico”, localizzato nell’ipotalamo : il Nucleo Soprachiasmatico. Gli esempi più evidenti di questo “orologio” sono : la variazione della pressione arteriosa e quella della temperatura corporea, la regolazione  sonno/ veglia e fame/sete , la regolazione del tono e dei movimenti della muscolatura liscia degli organi dell’apparato digerente, dell’apparato urinario e dell’attività secretoria delle ghiandole.  Tutti questi sopraelencati rientrano nei ritmi circadiani, ma anche la gestazione, il parto, l’allattamento o lo sviluppo sono soggetti a questo controllo neuronale. L’alternanza luce/buio è riconosciuta come il principale fattore che regola i ritmi circadiani e la melatonina è l’effettore di tale sistema.

Modulatrice della temperatura corporea

La  temperatura corporea è controllata dal centro termoregolatore corporeo che ha sede all’interno dell’ipotalamo. Questo centro funziona come un termostato, che fissata una temperatura corporea interna media i cui valori sono intorno ai 37 ° C ± 0.5 °C – registra le variazioni e determina gli aggiustamenti. La variazione della temperatura corporea segue un ritmo circadiano e pertanto la melatonina influisce su essa.  La melatonina è in grado di ridurre la temperatura corporea di circa 0.3°C (40% della variazione circadiana della temperatura). L’effetto ipotermizzante della Melatonina è stato evidenziato con la sua somministrazione diurna, quando cioè essa non  è normalmente prodotta : si riscontra un effetto simile a quello fisiologico. Se somministrata durante la notte, quando la melatonina endogena è normalmente prodotta, la melatonina non esercita al contrario un effetto ipotermizzante aggiuntivo .

Modulatrice del sonno

L’azione fisiologica più nota, e forse tutt’ora più sfruttata della melatonina, è l’effetto che ha sul sonno.  L’ effetto della sostanza è stato valutato su varie componenti del sonno. L’ effetto maggiore e più consistente è sicuramente quello esercitato sulla propensità all’ addormentamento, la quale mostra una variazione nell’arco delle 24 ore : sale improvvisamente dopo le ore 20, in contemporanea con l’inizio della secrezione di melatonina, per raggiungere un massimo in corrispondenza del picco di melatonina e i livelli più bassi di temperatura corporea.

Naturale antiaggregante piastrinico 

La melatonina è il più fisiologico antiaggregante piastrinico, garante del mantenimento delle proprietà del sangue e del trofismo delle pareti dei vasi. Anche tale azione può essere considerata bioritmicamente regolata ed essere più accentuata durante le ore notturne

Naturale difesa dei radicali liberi

La melatonina esplica  un’azione antiossidante come molecola libera ed  è di rilevante importanza il fatto che esplichi quest’azione in tutti i compartimenti intracellulari. Ciò è dovuto  alla sua natura lipofila che la rende in grado di attraversare tutte le barriere biologiche e di diffondersi in ogni compartimento della cellula. La melatonina entrando come molecola libera nella cellula è in grado di esercitare una funzione di neutralizzazione dei radicali liberi: donando gruppi elettronici ai radicali liberi li rende meno reattivi e quindi meno tossici. La melatonina reagendo con un radicale libero viene ossidata e forma un radicale cationico indolico. Successivamente, il radicale indolico,  reagendo con un anione radicale superossido (O2ˉ), forma un prodotto stabile, e non tossico, la 5-metossi-N-acetil-N-formil-chinuramina.  L’azione di scavenger della melatonina si è rivelata efficiente anche verso il radicale perossile (ROOˉ), specie radicalica che si genera durante la perossidazione lipidica e che propaga una reazione a catena che induce a una massiccia distruzione lipidica nelle membrane cellulari.  La melatonina è estremamente potente nella protezione dai danni causati dai radicali liberi indotti da anche da vari stimoli esterni. Così i danni al DNA risultanti dall’esposizione a composti chimici cancerogeni o alle radiazioni ionizzanti sono marcatamente ridotte quando la melatonina viene co-somministrata

Melatonina immunomodulatrice

L’interazione tra sistema nervoso, endocrino ed immunitario è da tempo nota, ed è parte integrante di una disciplina definita neuroimmunomodulazione. E’ accertato che il sistema immunitario e quello nervoso centrale sono legati sia anatomicamente che funzionalmente e che diverse molecole segnale e recettori sono comuni ad entrambi. L’azione immunimodulatrice della melatonina è mediata da recettori localizzati sia a livello membranario che nucleare

Si possono quindi sostanzialmente distinguere due funzioni della melatonina in relazione al sistema immunitario: un’azione antigene-dipendente, dove la melatonina produce attivazione del sistema immunitario rafforzando le funzioni dei T-helper e la produzione di citochine, e un’azione antigene-indipendente a livello ematopoietico dove mantiene un’omeostasi immunitaria.

Stabilizzante di membrana

La melatonina interviene nel controllo della neurotrasmissione a livello delle membrane neuronali del sistema nervoso, ne deriva un’azione stabilizzante dell’attività elettrica.

Vedi Bibliografia

47 thoughts on “Melatonina per il benessere/meccanismo d’azione

    1. admineffegilab

      regolarizzando il ciclo veglia/sonno la melatonina può contribuire a migliorare l’attenzione e la memoria

      Reply
        1. admineffegilab

          Buonasera Signor Bisogno,
          non c’è alcuna controindicazione nell’uso della Melatonina Complex Effegilab in corso di insufficienza renale al dosaggio indicato dal Ministero (1 compressa la sera).
          In letteratura medica ci sono diversi studi che indicano l’utilizzo della melatonina anche in corso di questa patologia.
          Cordiali saluti.

          Reply
  1. luigi

    vorrei sapere se anche le donne possono assumere la melatonina e inoltre ci sono vari .Come si fà a capire quella piu completa. Grazie.

    Reply
    1. admineffegilab

      Buon pomeriggio e grazie dell’interesse dimostrato.
      La melatonina è indicata a tutte le persone oltre i 40 anni, in quanto vi è un calo fisiologico progressivo man mano si va avanti con l’età, la melatonina inoltre si autobilancia all’interno del corpo quindi, anche se se ne assume un quantitativo maggiore, il corpo elimina l’eccesso tramite le vie urinarie e il sudore.

      Per quanto riguarda la seconda domanda, crediamo volesse dire come si fa a capire quale melatonina è la più completa?
      Se la domanda è questa la risposta è la seguente:

      La melatonina più completa, o meglio l’unica assimilabile dal corpo umano, è quella coniugata con l’adenosina e la glicina, questa sinergia crea un ponte idrogeno che rende, la nostra melatonina, biodisponibile ed assimilabile dal corpo umano.
      Senza tale coniugazione, la melatonina può scindersi in alcool o in olio, sostanze difficilmente rilevabili nell’apparato digerente delle persone. Questo per dire che, a differenza della Ns Melatonina Complex 1mg, tutte le altre melatonine “pure” anche in alto dosaggio non vengono assimilate dal corpo. Riassumendo, se si assume 1mg di melatonina pura (quindi non coniugata con altre sostanze), si espellerà 1 mg di melatonina pura.

      Reply
  2. ANDREA POLIZZI

    Buongiorno, ho 56 anni obesità e gonfiore addominale, ipeteso, trigliceridi colesterolo alti, intollerante a glutine e lattosio.
    La mia pena più grande è l’isonnia associata con ansia specialmente quando arrivo a letto. Il che comporta difficoltà anche nel perdere peso.
    Chiedo:
    qual’è il dosaggio consigliato di melatonina coniugata? è possibile evitare il lattosio? Cosa si può aggiungere alle compresse di melatonina? Iperico? passiflora/teanina/valeriana ecc? Magnesio-potassio?

    Attendo.
    grazie!
    Andrea

    Reply
  3. Arlene rock

    Interessante I l’articolo
    Si come ho tumore ricidivo per 3volte alla mammella destra vorrei sapere che tipo di melatonina potrei prendere e quale la melatonina pura e che sostanze o quali ingredienti ha .. grazie infinite
    Distinti saluti
    Arlene rock

    Reply
    1. fgadmin Post author

      Cara Arlene,
      mi spiace per il tuo problema di salute. Solo il tuo medico può valutare se e quale tipo di Melatonina utilizzare per questo tipo di problema.
      La Melatonina Complex è Melatonina pura, coniugata con l’Adenosina, che è una sostanza naturale che fa parte del ciclo di produzione dell’energia delle cellule,
      e Glicina, altra sostanza naturale che prende parte a numerose funzioni dell’organismo. La formulazione coniugata la renderebbe più biodisponibile e con maggior
      efficacia per le sue funzioni biologiche.
      Un saluto.
      Fabio

      Reply
    1. fgadmin Post author

      Buongiorno,
      premesso che ci sono tanti tipi di insonnia e diverse cause, la Melatonina è sicuramente la sostanza naturale più indicata nell’induzione e nel mantenimento del sonno durante la notte.
      Nei ragazzi la Melatonina Coniugata ha un ottimo effetto, soprattutto quando i ritmi quotidiani si alterano a causa dello studio, delle attività sportive o ludiche, e si fa fatica a riprendere
      il normale ciclo sonno/veglia.
      Restiamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento!

      Reply
  4. Emily

    Mio figlio ha quasi 1 anno e da quando è nato non conosciamo più la parola dormire xké la notte si sveglia ogni 20 minuti… È consigliabile la melatonina??

    Reply
    1. admineffegilab

      Buongiorno Emily,
      premesso che il Pediatra deve individuare la causa del problema, la melatonina ha proprio come indicazione la regolazione del ritmo sonno-veglia, pertanto trova indicazione in molti disturbi del sonno, anche in età pediatrica. La nostra melatonina è coniugata, cioè è legata all’adenosina e contiene anche la glicina. Queste due molecole naturali coadiuvano la funzione della melatonina.

      Reply
  5. Maria

    Buongiorno,
    ho 71 anni e a seguito di una lieve eschemia successami 6 anni fa per fibrillazione atriale episodica ,sono scoagulata col Coumadin.
    La notte dormo ma raramente bene.
    Posso prendere la Melatonina?
    Se sì, con quale dosaggio?
    Grazie.

    Reply
    1. admineffegilab

      Gentile Maria,
      premesso che il Suo medico curante deve indicarle quali integratori può assumere, la melatonina potrebbe aumentare l’attività del Coumadin.
      Provi a dare un’occhiata alnostro prodotto Nightorelax e lo faccia vedere al Suo medico per verificarne le indicazioni nel Suo caso particolare.

      Reply
  6. TOMMASO GUGLIELMI

    Premesso che soffro di malattia del dolore dovuto ad una infezione alla colonna vertebrale dopo un intervento chirurgico di ernia del disco , interventi chirurgichi che ho subito per ben 8 volte per pulizia della parte operata e detergere la zona infette in quanto mi dicevano che gli antibiotici avevono difficoltà a raggiungere la zona infetta. E per tutto questo sono da 10 anni trattato a morfina intatrecale e via orale ,in seguito per una neuromialgia son trattato a cortisone da circa due anni,Pensa che la melatonina possa aiutare il mio fisico che stà denunciando il mio malessere ,specialmente il cortisone. ho 84 anni IN ATTESA DI UN SUO RISCONTRO SENTITAMENTE RINGRAZIO ED ESSENDO IL 1 GENNAIO APPROFITTO PER FARGLI I MIEI MIGLIORI AUGURI DI FELICE 1918 TOMMASO GUGLIELMI

    Reply
    1. admineffegilab

      Gentile Signor Guglielmi,
      premesso che il Suo medico curante deve indicarle quali integratori utilizzare e quali evitare, la melatonina, come molecola naturale, tra le sue attività ha anche quella di essere
      un potente antiossidante e può avere un’azione analgesica blanda. Pertanto può confrontarsi col Suo medico per poter assumere la Melatonina Complex.
      Un cordiale saluto con i nostri migliori auguri!

      Reply
    2. Laura Moroni

      Salve dottore ho 37 anni soffro di colon irritabile,adenomiosi,e ultimamente dolori muscolari e articolari,soffro di ernia iatale e avvolte la sera faccio fatica a digerire non prendevo nulla X dormire ma ultimamente sto facendo caso che la notte mi svegliano i dolori nella parte illiaca dx…posso provare a prendere la melatonina?

      Reply
    1. admineffegilab

      Gentile Cinzia,
      premesso che il medico curante o lo specialista può indicare quali integratori possono essere utilizzati e quali no in ogni singolo paziente, la melatonina può manifestare effetti antiossidanti sulle cellule ma si annoverano anche fenomeni soggettivi di atassia. Pertanto solo il Suo medico o lo specialista può indicarle se e quanta melatonina assumere.

      Reply
  7. salvatore camuglia

    Buonasera sono Anna di anni 58. Fin da ragazzina ho sempre percepito una temperatura corporea eccessiva e dopo la menopausa la situazione è peggiorata. Potrebbe aiutarmi l’assunzione di melatonina per regolarizzare la mia temperatura corporea? Grazie

    Reply
    1. admineffegilab

      Buongiorno Anna,
      premesso che il medico curante o lo specialista può indicare quali integratori possono essere utilizzati e quali no, in alcuni studi clinici la melatonina ha evidenziato una modulazione delle variazioni
      della temperatura corporea durante il sonno. Sicuramente il ritmo sonno-veglia ne potrebbe giovare così come la sua qualità del sonno.

      Reply
  8. Marco

    Buongiorno,sono Marco anni 64 , Diabetico in trattamento insulinico pluri-iniettivo , assumo Trittico gocce in dosaggio limite la sera per dormire circa 4 ore o poco più per notte , chiedo al fine di migliorare le ore di sonno, se sia possibile integrare la terapia farmacologica con melatonina ed eventualmente in quale dosaggio e tipologia , grazie

    Reply
    1. admineffegilab

      Gentilissimo Signor Marco,
      premesso che il primo consiglio che possiamo darle è di consultare il suo medico, la Melatonina Complex può essere utilizzata in corso di diabete.
      Il dosaggio imposto per legge è di un milligrammo (una compressa) da assumere la sera ma solo il suo medico può indicare un dosaggio diverso.
      Se ha bisogno di ulteriori informazioni non esiti a contattarci.
      Cordiali saluti da Effegilab

      Reply
  9. Rosanta Giordano

    Salve,io soffro da 10 anni di vampate corrispondenti all inizio della menopausa.stranamente,diveramente da tante altre donne le vampate piu passano gli anni e piu sono forti anche una ogni tre quarti d ora!!sono accompagnate da sudorazione,gola secca,esigenza di bere,agitazione,nervosismo,ecc.mi potrebbe essere utile la melatonina?grazie per la risposta!

    Reply
    1. admineffegilab

      Gentilissima Signora Rosanta,
      la Melatonina Complex può aiutarla sicuramente nel regolare i ritmi biologici. Dia uno sguardo al nostro prodotto FG Pausa http://www.effegilab.com/shop/prodotto/pausa/
      che contiene, oltre agli isoflavoni e la Vitamina E.
      Se ha bisogno di ulteriori informazioni, non esiti a contattarci.
      Un cordiale saluto da Effegilab

      Reply
    1. admineffegilab

      Buonasera Signora Elena,
      se intende il Nightorelax questo può essere somministrato dai 3 anni in poi.
      Se ha bisogno di ulteriori informazioni non esiti a contattarci.
      Un cordiale saluto da Effegilab.

      Reply
  10. Lucia

    Salve.ho letto che la melatonina può aiutare la ricrescita dei capelli in caso di alopecia.vorrei sapere se può essere somministrata anche.in caso di lupus discoide (Les). Mia figlia ha 27 e eventualmente a quale.dosaggio ? Grazie.

    Reply
    1. admineffegilab

      Salve,
      la melatonina può sicuramente aiutare la ricrescita dei capelli in alcune forme di alopecia (ne esistono diverse tipologie). Come integratore, la melatonina non ha controindicazioni ma in corso di patologia autoimmune è sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico specialista, soprattutto se si stanno assumendo farmaci specifici per la patologia in atto.
      Per quanto riguarda il dosaggio, il Ministero della Salute indica in un milligrammo il dosaggio di melatonina, ma il suo medico può consigliarle dosaggi diversi dopo aver fatto una valutazione dello stato del paziente.
      Un cordiale saluto da Effegilab

      Reply
  11. Luigina Ferri

    Salve dottore sono una signora di 59 anni il mio problema sono le macchie cutanee dovute all”esposizione solare , cosa che cerco di evitare . Se non erro tali macchie sono causate da carenza di melatonina quindi vorrei sapere se assumendo un integratore potrebbe andare meglio

    Reply
    1. admineffegilab

      Buongiorno,
      se non ho capito male le sue macchie sono bianche? cioè rimangono aree della pelle non pigmentate?
      Mi faccia sapere, in modo da poterle dare la risposta più corretta.
      Cordiali saluti.
      Effegilab

      Reply
    2. admineffegilab

      Buonasera,
      mi scusi il ritardo con cui le viene risposto ma abbiamo avuto problemi con la posta.
      La Melatonina ha la capacità di uniformare il colore della pelle, eliminando l’iperpigmentazione. Se il Suo problema è un deficit di melanina, la melatonina non è efficace.
      Dovrebbe applicare un cosmetico a base di Tirosina, come gli abbronzanti, in modo da stimolare la produzione di melanina.
      Cordiali saluti.
      EFFEGILAB

      Reply
  12. Sofia

    Buonasera. Ho mia madre malata di alzheimer con sintomi di iperattivita’ e insonnia e vagabondaggio notturno. Assume da anni la sera un antiaggregante. Posso darle la melatonina? Si spuo’ sospendere l’antiaggregante con l’assunzione della melatonina? Grazie!

    Reply
    1. admineffegilab

      Buonasera,
      mi scusi il ritardo con cui le viene risposto ma abbiamo avuto problemi con la posta.
      La melatonina potrebbe incidere sulla funzione coagulante, pertanto deve essere usata con cautela in pazienti che assumono antiaggreganti. La cosa più indicata da fare è chiedere al Suo medico o all’Ematologo.
      Cordiali saluti.
      EFFEGILAB

      Reply
    1. admineffegilab

      Buonasera,
      mi scusi il ritardo con cui le viene risposto ma abbiamo avuto problemi con la posta.
      La Melatonina non crea dipendenza, in nessuno studio clinico si è messa in evidenza una dipendenza di melatonina.
      Cordiali saluti.
      EFFEGILAB

      Reply
  13. carmela d'andela

    buongiorno, soffro di fibromialgia da tanti anni e x dormire il reumatologo mi ha prescritto rivotril che io prendo a dosi basse 4gcc la sera , ma dormo solo le prime ore con risvegli, vorrei eliminare del tutto questo farmaco. mi cosiglierebbe la melatonina? se si quale. grzie

    Reply
    1. admineffegilab

      Buonasera e scusi il ritardo nel risponderle ma abbiamo avuto problemi con il server.
      La letteratura scientifica ha messo in evidenza il ruolo benefico della melatonina nei pazienti con fibromialgia.
      La Melatonina Complex di EFFEGILAB è coniugata con Adenosina e Glicina, due sostanze naturali che possono contribuire
      a migliorare ancor più la qualità del suo sonno.
      Cordiali saluti.
      EFFEGILAB

      Reply
  14. Francesco

    Salve lale compresse di melatonina hanno qualche effetto collaterale su cardiopatici
    Assumendole si riesce a riposare un po’ di più la notte

    Reply
    1. admineffegilab

      Buongiorno,
      il Ministero non indica nessuna avvertenza per i cardiopatici pertanto, al dosaggio indicato, non sono noti effetti collaterali e può aiutarla a dormire meglio
      e a ridurre i risvegli notturni.
      Cordiali saluti.
      Effegilab

      Reply
  15. Loredana Nicolato

    Salve,il mio cane meticcio di 3 anni pesa 47 kg,soffre di epilessia idiopatica grave ed è refrattario ai farmaci,prende 9 pastiglie della vostra melatonina complex suddivise in tre razioni durante la giornata ,sta migliorando veramente, assieme prende:2compresse e mezza di Libromide 25mg +4 compresse e mezza di Soliphen 60 mg mattina e sera, si potrà aumentare ancora la melatonina per cercare di ridurre i farmaci per evitare problemi soprattutto a livello epatico?Grazie infinite Buon pomeriggio, Loredana.

    Reply
    1. admineffegilab

      Gentilissima Signora Nicolato,
      il primo passo da fare quando si fa terapia combinata farmaco/melatonina è quello di cominciare a scalare innanzitutto Libromide e somministrarne solo 2 cpr.
      Se il cane è stabile, dopo una settimana può calare il Soliphen a 3 cpr mattina e sera.
      Quando comincia a scalare il Soliphen può dare la Melatonina Complex a 4x3x3.
      Chi è il suo veterinario? Probabilmente è venuto ad un mio congresso sulla Melatonina.
      In attesa di un suo riscontro le porgo i miei più cordiali saluti.
      Fabio Olivieri

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *