Monthly Archives: November 2016

Fitomelatonina, salute dalle piante

Dai verdi prati del Monte Bondone una rivoluzionaria scoperta per la salute del corpo 

La bellezza è tale perché specchio del benessere psicofisico, per questo si può parlare di cosmesi salutare.

Nasce sulle montagne del Trentino la ricerca scientifica di Francesca Ferri, titolare dei laboratori Effegilab con sede a Lavis di Trento. Le piante alpine che crescono in alta montagna producono una sostanza chiamata melatonina. Come nell’uomo, anche nelle piante la melatonina regola i fenomeni cosiddetti circadiani: i movimenti delle foglie e dei fiori durante la notte, la crescita della pianta e la germinazione del seme. Soprattutto la melatonina assicura ai vegetali importanti risorse antiossidanti proteggendoli dall’esposizione ai raggi solari e alle intemperie. Lo studio e l’intuizione scientifica di Francesca Ferri da anni dedita allo studio delle proprietà curative di sostanze di origine naturale, ha ottenuto per la prima volta al mondo, l’estrazione di un olio particolarmente oleoso ricco di melatonina chiamato appunto Fitomelatonina, un vero e proprio sistema difensivo naturale. Una scoperta tutta trentina che ha origine nelle piante del Monte Bondone, dove crescono l’ Avena sativa, l’Achillea millefolium e la Salvia officinalis. Questa ricerca ha permesso di sostituire quella ottenuta per sintesi, e quindi la sua biocompatibilità è risultata superiore. La Fitomelatonina ha la stessa struttura chimica di quella prodotta dal corpo umano, e in particolare dalla ghiandola pineale posta nel cervello. Cartesio sosteneva che la ghiandola pineale è la sede dell’anima e la melatonina è formata dalla ghiandola pineale. Per sillogismo si può immaginare che la stessa anima è formata dalla melatonina. Questa analogia fa capire quanto importante e fondamentale sia questa sostanza per la vita dell’uomo e delle piante che attingono ad essa per regolarsi ed equilibrarsi. L’estrazione della fitomelatonina è il risultato di un procedimento che è stato brevettato in esclusiva dopo lunghi anni di ricerca e impegno, con la consulenza di alcune tra le più prestigiose facoltà universitarie. Gli studi condotti hanno permesso di investigare la presenza di questa preziosa sostanza in campioni di piante officinali e spontanee, selezionando le specie di piante e le parti migliori per uno studio più approfondito, andando a cercare quelle cresciute in un ambiente maggiormente esposto a stress ossidativi da ozono e radiazioni UV, e quindi depositarie di un maggior contenuto di melatonina. La ricerca e sviluppo dell’Effegilab si colloca in un contesto di novità rispetto ai prodotti cosmetici ed agli integratori alimentari comuni. L’originalità sta nel costruire formulazioni di prodotti che facciano a meno di conservanti e coloranti tradizionali facendo uso di principi attivi naturali. In questa ricerca l’azienda ha collaborato con istituti di ricerca del settore come l’Università dell’Insubria di Varese, dipartimento di biologia strutturale e funzionale diretta da Paolo Gerola. Grande attenzione è stata dedicata alla qualità biologica delle piante dalle quali viene estratta, che vengono coltivate esclusivamente oltre i mille metri di altezza in ambienti incontaminati, mentre i processi di lavorazione si avvalgono delle più moderne tecnologie. I benefici sono anche quelli di sostenere la funzione immunitaria, abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, proteggere dagli effetti negativi dello stress, ripristinare i ritmi del sonno, aiutare a difendersi dalle patologie neoplastiche e dalle malattie cardiache, stimolare e sostenere la funzione sessuale. Indicazioni ampiamente documentate dalla letteratura scientifica. E’ stato anche dimostrato che la melatonina non presenta effetti tossici neppure se venisse somministrata in quantità di diverse compresse al giorno. Ma lo scopo della ricerca che ha permesso l’estrazione della Fitomelatonina, è orientato anche nel settore dell’utilizzo in campo cosmetico. La pelle del nostro corpo e del viso in particolare è sottoposto ogni giorni a continue aggressioni causate dall’ambiente esterno, dal freddo e dallo smog, specie per chi vive nelle aree urbane ad alto tasso di inquinamento. La Fitomelatonina serve quindi ad assicurare l’idratazione e una naturale protezione alla pelle anche per gli effetti del sole. Ritarda gli effetti dell’invecchiamento e restituisce un’azione rivitalizzante, ridona alla pelle luminosità ed elasticità anche in quelle pelli stanche e con la tendenza al rilassamento e all’aridità epidermica. Viene consigliata anche per chi ancora giovane ha una pelle particolarmente “provata” dalla vita frenetica, dal fumo e da un’eccessiva esposizione solare. Il vantaggio della melatonina vegetale, a differenza di quella chimica è dato dal fatto che essendo di origine naturale questa melatonina ha una perfetta affinità biochimica compatibile con l’organismo umano. La vita delle persone ha sempre più ritmi logoranti e sottoposti a stimoli spesso nocivi per il benessere. Occuparsi della propria salute anche nella cura della propria persona e dell’aspetto esteriore, trova nelle proprietà curative, cosmetiche della fitomelatonina di origine vegetale, un valido aiuto e alleato. Non contenendo conservanti né coloranti chimici, questa sostanza è impiegata con successo nelle preparazioni dermatologiche. Studi scientifici hanno dimostrato che la melatonina inibisce lo sviluppo dell’eritema solare in seguito all’esposizione a radiazioni UVB e nel trattamento dermico agisce sulla psoriasi e di eczemi topici, assumendo importanza nell’effetto protettivo nei confronti dello stress ossidativo che sono causa dell’invecchiamento e del degrado cutaneo. Una sostanza che armonizza i principali sistemi che influenzano la qualità del nostro vivere quotidiano: il riposo, la calma, la positività, la capacità di concentrazione.

 

L’era della psico-cosmesi

Dalla fitofarmacologia all’estrazione della melatonina dalle piante alimentari. La cosmesi può travalicare il solo livello estetico «con un principio attivo modulatore anche dell’umore». L’esperienza scientifica di Francesca Ferri.

La bellezza è tale perché specchio del benessere psicofisico, per questo si può parlare di cosmesi salutare.

Nel 1996 presentarono una metodica estrattiva unica al mondo, con la quale si otteneva melatonina vegetale. Ancora oggi la dottoressa Francesca Ferri detiene l’esclusiva sul processo d’estrazione di questo principio attivo, che oggi affascina diversi mercati internazionali, per la sua azione non solo di dermocosmesi. Infatti, la dottoressa Ferri, titolare della trentina EffegiLab, non teme di definire la fitomelatonina il precursore di una nuova definizione di cosmesi. «Possiamo chiamarla psico-cosmesi – spiega Ferri – perché ha un effetto modulatore su numerosi cicli biologici, fondamentali per l’equilibrio di tutti i sistemi del nostro organismo, come il ciclo del sonno, della riproduzione o dell’umore». La grande differenza dalla melatonina chimica che si trova in commercio sta nella purezza ricercata dall’Effegi Lab. «Estraendo il principio attivo da piante alimentari – dice Ferri – come la salvia, l’achillea o le ciliegie, anche nel caso di un prodotto meno puro è impossibile la presenza di sostanze tossiche, cosa che invece non è garantita dalla melatonina chimica. Ma l’aspetto interessante è la possibilità di usare la sostanza per le funzioni più diverse. Noi con questo estratto facciamo molti prodotti dermocosmetici, con un’azione lenitiva o più cosmetica e rivitalizzante, ma anche integratori che incidono sul benessere e la salute sotto punti di vista anche molto lontani». La differenza di pensiero e realizzazione ha portato quindi alla nascita dell’impresa trentina. «Cinque anni fa – ricorda la titolare – abbiamo dato vita al nostro progetto imprenditoriale, la cui matrice innovativa ci ha portato a una crescita costante. Realizziamo solo prodotti d’altissima qualità con un’elevatissima efficacia: rispettiamo l’essere umano e l’ambiente con prodotti puliti, esenti da coloranti e conservanti tradizionali, paraffine, vaselline, petroli, Les e allergeni dei profumi. L’impiego di questo metodo produttivo rivolge la sua attenzione agli utenti finali e agli operatori del settore professionale che espongono la propria pelle a prolungati contatti con i cosmetici». (…) Il concetto di bellezza per la dottoressa Ferri va declinato in tutte le sue accezioni. «La nostra bellezza è tale perché specchio del nostro benessere psicofisico, per questo in Effegilab ci piace definire il risultato del nostro lavoro “cosmesi salutare”. Il Trentino gioca allora un ruolo fondamentale vista l’enorme e variegata ricchezza e unicità delle specie presenti nel territorio. L’alta qualità delle materie prime utilizzate da Effegilab provengono da qui, come l’olio biologico del Lago di Garda».

Remo Monreale